Atalanta, Conti e Caldara il tesoro di Gasp: per i due 14 gol in Serie A

i difensori dell'atalanta caldara e conti

Un campionato che resterà nella storia dell’Atalanta. Fino a questo momento, la squadra allenata da Gasperini si colloca come la vera rivelazione di questa Serie A. Il quarto posto, a pari merito con la Lazio, e il pareggio contro la Juventus fanno sognare gli orobici, che contro ogni pronostico sono ad un passo dalla qualificazione in Europa League.

La forza di questa squadra sta, innanzitutto, nel collettivo. Il merito principale dell’ex tecnico del Genoa sta nell’aver saputo trovare una quadratura perfetta, dando ad ogni giocatore un ruolo ben preciso. Accanto alla forza del gruppo, l’altro grande successo di Gasp è quello di essere riuscito a valorizzare i singoli. Da SpinazzolaPetagna, passando per il Papu GomezCaldara Conti, questa squadra sembra aver trovato un mix perfetto.

Conti e Caldara il vero tesoro di Gasperini?

Sono proprio i due difensori ad essere l’arma in più della squadra di Gasperini. La loro vena realizzativa, unita ad una fase difensiva sempre ordinata, ha fatto sì che l’Atalanta compiesse il definitivo salto di qualità. I quattordici gol realizzati dalla coppia Conti-Caldara (appena uno in meno del duo bianconero Dybala Mandzukic), oltre a rendere felici gli allenatori di Fantacalcio, costituiscono un notevole bottino nella fase offensiva dell’Atalanta. Basti pensare, infatti, che sui 58 gol complessivi, il 24% appartiene ai due. In pratica, un gol su quattro è opera loro.

A questo si devono aggiungere le 14 reti messe a segno da Gomez, alla sua migliore stagione in carriera. Il Papu, con una continuità disarmante, sta trascinando – di partita in partita – i suoi compagni di squadra verso una qualificazione in Europa League che appare sempre più certa. D’altronde, a 29 anni, Gomez si trova nel pieno della sua maturità calcistica. Chissà quante squadre si staranno mangiando le mani, considerando che l’argentino fu pagato dagli orobici solo 2,5 milioni di euro. Una cifra irrisoria, tenendo conto degli attuali prezzi di mercato, ma che ha fatto le fortune della ‘Dea’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.