Benatia insultato in diretta tv: scoppia il caso Rai – Guarda il VIDEO

mehdi benatia con la maglia della juve

Post-partita a dir poco rovente quello di Juventus-Torino. Clima teso non solo tra le tifoserie. Perfino Mihajlovic in conferenza stampa si è lasciato andare ad uno sfogo contro gli ultrà della Juve per insulti razziali nei suoi confronti. Ma è stato il caso Benatia a destare maggiore scalpore.

Il difensore del club torinese, presentatosi al termine del match per un’intervista ai microfoni della Rai, è stato insultato in diretta tv. L’episodio è stato denunciato dallo stesso giocatore tra l’imbarazzo generale della trasmissione dell’emittente di Stato. In particolare, la conduttrice Sabrina Gandolfi ha preferito chiudere il collegamento per evitare ulteriori complicazioni.

VIDEO Benatia, giocatore insultato in diretta tv

Come anticipato, è stato lo stesso Benatia ad avere sentito un insulto in cuffia nei suoi confronti. Il difensore, che stava procedendo con l’intervista ai microfoni della Rai, si è fermato chiedendo: “Chi ha detto questo? Chi sta parlando? Ho sentito un insulto” le parole giocatore della Juve, visibilmente risentito. Immediatamente, la conduttrice della trasmissione Sabrina Gandolfi, ha tentato di buttare acqua sul fuoco: “Non siamo stati noi, forse ci sono dei problemi tecnici” ha affermato la conduttrice, palesemente imbarazzata, che ha preferito tagliare il collegamento per evitare ulteriori grattacapi: “Devono esserci delle interferenze, meglio chiudere questo collegamento”. Dal canto suo, Benatia ha subito lasciato la postazione, allontanandosi dalla mix zone. Dopo poco, l’ufficio stampa bianconero fa sapere che al giocatore sarebbe stato detto: “Marocchino di m…”.

Al momento, però, non si sa chi è stato a pronunciare la frase. Dopo il brutto episodio che ha coinvolto Sulley Muntari (al quale è stata annullata la squalifica dopo i buuu a lui rivolti), un’altra vicenda dai toni razzisti rischia di colpire il mondo del calcio nel nostro Paese. In basso, il video dell’accaduto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.