Calciomercato Milan, Donnarumma indica la strada per il suo futuro ma occhio a Raiola

Donnarumma spera di restare in rossonero

Con la cessione del Milan ancora in atto, la società non può accantonare altre faccende che sono comunque importanti tra campo e mercato. Sul campo, infatti, i rossoneri hanno un posto in Europa League da conquistare con la classifica che si è accorciata dal quarto al settimo posto dopo la 29^ giornata di Serie A. La prima della lista resta la Lazio con 57 punti mentre il Milan ne ha 53, nel mezzo Inter e Atalanta appaiate a 55 punti. Per quanto riguarda in calciomercato, invece, oltre a cercare di individuare giocatori capaci di far fare quel salto di qualità alla squadra, c’è bisogno anche di risolvere i casi spinosi di rinnovo di contratto dei giocatori simbolo con Gianluigi Donnarumma in pole perché non solo il portiere è una garanzia per il presente ma lo deve essere anche per il futuro rossonero con la Juventus e altre big d’Europa alla finestra pronte ad offrirgli un super contratto.

Ultime calciomercato Milan, Donnarumma vede il futuro in rossonero

Tutti gli spostamenti di Gianluigi Donnarumma sono sempre particolarmente monitorati perché c’è curiosità sul suo futuro tra l’incertezza che domina sovrana su quello che sarà il closing e di conseguenza il destino della società di via Aldo Rossi e e un Mino Raiola, agente del ragazzo, che di tanto in tanto ammicca (giustamente) sul rinnovo del contratto del suo giovanissimo assistito. Intercettato alla stazione di Firenze, prima di arrivare a Coverciano dove si unirà con i compagni di Nazionale, Donnarumma ha lanciato segnali importanti per quello che dovrà essere il suo futuro: “Io spero di restare perché sono milanista. Per il rinnovo ci penserà il mio procuratore”. Parole chiare che unite al bacio allo stemma del Milan in occasione di Juventus-Milan fanno più che un indizio. Ricordiamo che il contratto di Donnarumma è in scadenza nel 2018 e anche se tra Galliani e Raiola c’è già un accordo di massima per il prolungamento è tutto in fase di stan by a causa dei bruschi rallentamenti del closing. Tuttavia con la Juventus e le altre big d’Europa alla finestra non bisogna essere mai domi perché quando in squadra si ha un talento del genere il rischio di vederlo partire è sempre grande se non si ha una struttura solida alle spalle e con un piano societario ben definito.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.