Caso Keita Baldè, Lotito pronto allo scontro: ‘Juventus scorretta’

E' guerra fredda tra Juventus e Lazio per Keita

In casa Lazio è scoppiato ufficialmente il caso Keita Baldé. Non che questo sia una novità. La società biancoceleste e l’esterno offensivo già la scorsa estate hanno rischiato di arrivare ai ferri corti con lo stesso Keita Baldé che ha tardato di qualche giorno il ritiro. Riguardo le reali motivazioni della discussione è nato una sorta di giallo legato a quel filo sottile che ha visto il calciatore indeciso tra rinnovo e voglia di provare nuove esperienze.

Simone Inzaghi, però, è stato abile a far rientrare la polemica facendo reintegrare in rosa il ragazzo che ha, poi, disputato una stagione straordinaria. Questa è storia passata ormai. Quella recente parla di trattative in corso per la cessione di Keita Baldé. L’avvocato del classe’95 da qualche settimana è in giro per l’Europa alla ricerca di una squadra per il suo assistito. C’è stato un contatto con l’Atletico Madrid, il blocco del mercato inflitto al club spagnolo ha, però, fermato la trattativa sul nascere. Gli altri due club, piombati prepotentemente sull’attaccante sono Milan e Juventus. Se con i rossoneri la Lazio ha trovato un accordo di massima, non si può dire lo stesso con i bianconeri che avrebbero agito in modo scorretto, almeno stando alle affermazioni di Lotito e Tare.

Ultime caso Keita Baldé, è guerra tra Lotito e la Juventus

Tanto Tare quando Lotito sono irritati dalla trattative che potrebbe portare Keita Baldé alla Juventus. Stamattina il direttore sportivo biancoceleste è stato il primo ad alzare la voce contro una situazione, a detta sua, anomala: “Abbiamo ricevuto offerte da tre big, tutte proposte tra i 30 e i 45 milioni di euro. Cederlo a 30 significherebbe svenderlo. Questi tre top club ci hanno contattato per chiederci il permesso di parlare con i rappresentati del giocatore. La Juventus, invece, non ci ha mai interpellato ufficialmente, ma sappiamo che sta parlando con l’agente. Il nostro obiettivo è sempre quello di rinnovare il contratto del ragazzo a livelli da top player della Lazio. Ma anche in caso di una eventuale cessione, saremo noi a decidere. Non temiamo di perdere Keita a parametro zero tra un anno”.

A Tare si è poi aggiunto anche il presidente Lotito che, come al suo solito, non le manda di certo a dire: “I furbi si fanno male con me. Il no al Milan? Non solo il club rossonero, ho rifiutato 4 offerte da chi ci ha chiamato correttamente. Tra queste squadre ci sono anche il Napoli e un club inglese”. Insomma, il rischio di assistere ad una guerra fredda tra Lazio e Juventus c’è tutto. Keita Baldè avrebbe da tempo accettato le avances della Juventus. Marotta e Paratici sono riusciti a convincere il procuratore e l’esterno offensivo che andare in bianconero è una buona scelta, anche se dovesse accadere tra un anno a parametro zero”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.