Cessione Milan ultime notizie 13 marzo: ore calde per il destino del closing

Berlusconi stringe la mano alla cordata cinese che acquisterà il Milan

Dopo le polemiche portate in dote dalla partita Juventus-Milan oggi, lunedì 13 marzo 2017 è tempo di closing con le ultime notizie sulla cessione del Milan da aggiornare perché quella tra oggi e domani potrebbe essere una giornata importante per il futuro della società di via Aldo Rossi con la Sino-Europe Sports pronta a raccogliere le redini di Silvio Berlusconi. Dopo i giorni burrascosi di inizio marzo sembra esser tornato il sereno tra le parti anche se risulterebbe complicato essere davvero tranquilli dopo gli ultimi avvenimenti.

Ultime news cessione Milan: da stabilire nuova data del closing

Fininvest e Sino-Europe Sports non hanno mai smesso di comunicare, sempre alla ricerca di una soluzione ottimale che consentisse alla cordata cinese di entrare quanto prima in società anche perché c’è un futuro da pianificare e il rischio di far saltare tutto è sempre grande. In pratica (questo lo si è capito da tempo) la cessione Milan viaggia sul filo del rasoio e quella di oggi, stando a voci vicino l’ambiente rossonero, dovrebbe essere il giorno decisivo per ultimare gli accordi che porteranno nelle casse Fininvest un ulteriore caparra di 100 milioni di euro. Ad accordi trovati, dunque, la caparra sarà versata entro domani o al massimo mercoledì e ci sarà nuovamente l’esclusiva sulla trattativa di cessione Milan da parte della Sino-Europe Sports. Ad inizio marzo si è vociferato che la nuova data del closing sarebbe stata quella del 31 marzo, tuttavia la più verosimile è racchiusa tra il 7 e il 14 aprile con la SES che, avrebbe dunque un ulteriore mese per risolvere quei cavilli burocratici che stanno facendo rinviare la chiusura di una trattativa tanto lunga quanto complessa. Nel caso in cui, invece, la caparra non dovesse arrivare nelle casse della holding della famiglia Berlusconi entro gli accordi trovati ad inizio mese, la trattative potrebbe anche saltare definitivamente ma questa, al momento, sembra essere un’ipotesi da non prendere assolutamente in considerazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.