Clamoroso Milan, Donnarumma non rinnova: è rottura tra il portiere e i rossoneri

gigio donnarumma con la felpa della nazionale italiana

Notizia shock per tutti i tifosi del Milan: Gianluigi Donnarumma non rinnoverà il contratto con i rossoneri. L’incontro, previsto per oggi a ‘Casa Milan’, è durato poco meno di un’ora. La decisione della volontà di non rinnovare da parte del portiere è stata comunicata dall’amministratore delegato Marco Fassone: “Mino Raiola mi ha comunicato la decisione di Donnarumma di non rinnovare. È una decisione definitiva. Confidavamo molto che Gigio fosse il portiere del nuovo Milan, il pilastro su cui costruire, ma dobbiamo rivedere le nostre valutazioni. Questa decisione, presa dal giocatore col suo procuratore, ci amareggia, ma andiamo avanti. Il Milan va avanti”.

Donnarumma non rinnoverà col Milan

Alla fine, la partita a scacchi tra l’agente del calciatore, il cinico Mino Raiola, e i dirigenti Fassone e Mirabelli, è stata vinta dal primo, che riuscirà a portare via il suo assistito da Milano. Quel che è certo, è che la società rossonera si è mobilitata con tutte le proprie forze per provare a trattenere Donnarumma al Milan. Ma alla fine non è bastato. Il portiere, su consiglio del suo procuratore, lascerà i rossoneri. Di seguito, i due possibili scenari.

Il Milan potrà decidere – adesso – di percorrere due strade: tenere il giocatore ancora un anno per poi perderlo a parametro zero nel giugno 2018, oppure venderlo ad uno dei tantissimi club interessati a lui. Se dovesse prendere forma la prima opzione, la società di via Aldo Rossi potrebbe decidere di spedire il giocatore in tribuna per tutta la prossima stagione. Una sorta di vendetta nei confronti di Raiola e del giovane calciatore, che in questo caso perderebbe un anno di carriera. Come dire: non proprio il massimo, visto che ormai Donnarumma è considerato, a soli 18 anni, tra i migliori portieri al mondo. Se, al contrario, Fassone e Mirabelli decidessero di venderlo subito, la lista dei club che farebbero follie per avere il portierino sarebbe lunghissima: dal Manchester United al Real Madrid, passando per la Juventus, il Barcellona e il Psg. Tuttavia, i club citati sarebbero ben disposti ad offrire un notevole ingaggio al calciatore e una cospicua commissione per il suo agente, ma non sarebbero altrettanto propensi ad offrire cifre elevate ai rossoneri.

Alla luce di ciò, la strategia della dirigenza milanista potrebbe essere quella di vendere Donnarumma solo a certe condizioni e di fronte ad un’offerta importante, che permetta alle casse rossonere di trovare un sostituto sul mercato. Una cifra che Fassone e Mirabelli riterrebbero congrua per lasciar partire subito il giocatore potrebbe aggirarsi sui 30-35 milioni. In caso contrario, se le offerte che perverranno – nel corso dell’estate – in via Aldo Rossi non saranno ritenute all’altezza, quasi certamente Donnarumma passerà un anno in tribuna.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.