Copa Libertadores, Felipe Melo perde il pelo ma non il vizio: maxi rissa in Penarol-Palmeiras

Felipe Melo provoca una maxi rissa

E’ proprio il caso di dirlo, Felipe Melo perde il pelo ma non il vizio. L’ex centrocampista di Fiorentina, Juventus e Inter sarà ricordato più per gli eccessi extracalcistici che per la carriera. Il calciatore brasiliano a 34 anni suonati le combina ancora di tutti i colori nonostante più volte avesse ripetuto di esser cambiato.

Dopo l’esonero di Roberto Mancini, gli spazi di Felipe Melo all’Inter si sono ridotti drasticamente. Motivo per il quale a gennaio c’è stata la sua cessione. Con il Palmeiras ci sarebbe dovuto essere un nuovo inizio. Tuttavia, se qualcuno si aspettava che si fosse trattato di una nuova alba calcistica si sbagliava. Il centrocampista si è, infatti, reso protagonista di un’altra bravate delle sue.

Penarol-Palmeiras, Felipe Melo provoca una maxi rissa

Al termine del match di Copa Libertadores Penarol-Palmeiras, è accaduto l’inverosimile. La sfida, per onor di cronaca si è conclusa a favore del Palmeiras che si è imposto con il risultato di 3-2. A tutti gli spettatori, tuttavia, resterà impresso nella mente quanto accaduto alla fine della partita. Già nel corso dei 90 minuti ci sono stati episodi poco piacevoli con le due tifoserie protagoniste in negativo, fautrici di risse, sedate quasi subito.

Con il triplice fischio finale, però, qualcosa è scattato nella mente di Felipe Melo. Il centrocampista si è scagliato contro un giocatore della panchina del Penarol e lo ha colpito con un pugno in pieno volto. Le reazioni dei compagni di squadra del malcapitato assieme a quelle di altri addetti ai lavori è stata immediata. Ne è nata una vera e propria caccia all’uomo. Felipe Melo tra un pugno e l’altro è riuscito a scappare scortato dai compagni di squadra. Sicuramente saranno presi provvedimenti disciplinari importanti in merito a questo increscioso episodio che, manco a dirlo, vede protagonista uno dei calciatori più esuberanti del mondo del calcio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.