Empoli, malore Buchel: ecco le condizioni del centrocampista

Malore Buchel in allenamento

Verso Milan-Empoli, partita valida per la 33a giornata di Serie A, i toscani come i rossoneri stanno ultimando la sessione di allenamento. Montella e Martusciello sono ancora alle prese con gli ultimi dubbi di formazione. Dubbi che dovrebbero essere sciolti domani o al massimo poco prima del match di domenica 23 aprile allo stadio San Siro.

Quella di stamattina sarebbe dovuta essere una normale mattinata di allenamento. Tuttavia il Castellani ha vissuto attimi di panico. Marcel Buchel si è accasciato al suolo accusando un improvviso malore. I primi soccorsi sono arrivati dai compagni di squadra e dallo staff medico prima dell’arrivo dell’ambulanza.

Notizie Empoli, malore Buchel fa tremare il Castellani

Nel corso dell’allenamento a porte chiuse che l’Empoli ha tenuto al Castellani, Buchel ha accusato un malore. Questa mattina, venerdì 21 aprile il centrocampista austriaco si è accasciato al suolo davanti gli occhi increduli dei compagni di squadra. Gli stessi non hanno tardato a contattare lo staff medico e sanitario della società prima che sul posto giungesse il 118. Attimi di panico al Castellani per il malore Buchel. I compagni di squadra del giocatore sono rimasti impietriti dinanzi alla scena.

Fortunatamente lo spavento è rientrato subito. Buchel si è ripreso pochi minuti dopo essersi accasciato sul terreno di gioco. Ad ogni modo il classe ’91 è stato trasferito all’ospedale San Giuseppe di Empoli per tutti gli accertamenti del caso. Dopo i controlli, l’Empoli Fc ha emesso un comunicato stampa ufficiale e ha spiegato che il malore Buchel è da ricondurre ad un episodio lipotimico. Il tutto può essere ricondotto ad un forte stress fisico. In pratica un attimo prima che Buchel si accasciasse al suolo gli è arrivato poco sangue al cervello. Il conseguente svenimento è dovuto proprio a questa situazione creatasi nel suo organismo. Ecco spiegato, perché, con il giusto soccorso Buchel si è ripreso senza aiuti medici pochi minuti dopo l’accaduto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.