Europa League, Milan bello e vincente: 2-0 al Craiova davanti ai 65 mila di San Siro

milan craiova preliminare europa league

Termina secondo pronostico il match di ritorno del terzo turno preliminare di Europa League tra il Milan e i rumeni del Craiova. La squadra allenata da Vincenzo Montella si è imposta con il risultato di 2-0 e ha offerto un’ottima prestazione sia dal punto di vista del gioco che della condizione atletica.

È bastato un gol per tempo ai rossoneri per battere la compagine di Devis Mangia. Di Bonaventura Cutrone le reti decisive. Entrambe sono arrivate sugli sviluppi da calcio piazzato. Ottima prestazione di Andrea Conti, uno degli acquisti più attesi della campagna faraonica operata dalla nuova proprietà. Nel secondo tempo, c’è stato tempo anche per l’esordio a San Siro di Calhanoglu André Silva. Entrambi hanno fatto vedere buone cose.

Milan-Craiova 2-0, le parole di Montella

Queste le parole nel post-gara del tecnico rossonero Vincenzo Montella: “La tenuta fisica della squadra è migliorata. Chiaramente dobbiamo ancora crescere, ma posso ritenermi molto soddisfatto”. Sui nuovi acquisti e il pubblico di San Siro: “Si sono inseriti abbastanza bene. È stata una bella serata che i nostri tifosi meritavano. Hanno dato dimostrazione di un amore profondo per il Milan. Riempire San Siro il 3 agosto contro un avversario non blasonato è un qualcosa di speciale”.

Su Donnarumma e Cutrone: “Gigio ha fatto una grandissima parata e sono contentissimo per la bella accoglienza che gli hanno riservato i tifosi. Cutrone ha fatto un’ottima partita, sta crescendo bene e sta dimostrando di poter stare nella nostra rosa. Ad oggi non c’è alcuna intenzione di cederlo in prestito da parte della società”.

La chiusura su Bonucci e Biglia e sull’operato dei dirigenti: “Saranno sicuramente in campo la prossima partita (sorride, ndr). Fassone e Mirabelli si sono mossi benissimo sul mercato e hanno costruito le basi per il futuro della società”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.