Genoa, Preziosi conferma la cessione della società ligure

enrico preziosi presidente genoa

Il Genoa è stato vendutoLa notizia era nell’aria da qualche settimana, anche se nessuno – all’interno della società del ‘Grifone’ – aveva fatto trapelare nulla. Adesso, invece, è stato il presidente Enrico Preziosi a confermare l’avvenuta cessione del club. In un’intervista a ‘Telenord’, il patron dei rossoblù ha annunciato, di fatto, la vendita della società. Di seguito, le dichiarazioni di Preziosi e le ultime notizie sui possibili acquirenti della squadra ligure. L’attuale presidente avrà ruolo, nonostante la nuova proprietà? Cerchiamo di capirne di più.

Preziosi: ‘Ho ceduto la società’

Queste le parole del vulcanico presidente genoano: “Ho ceduto la società. Le firme arriveranno entro questa settimana o all’inizio della prossima. Nella prossima intervista non sarò più il presidente del Genoa. Ho sempre detto che sono intenzionato a lasciare la presidenza il prima possibile, spero di poterlo fare entro la fine di questa settimana. A quelli che mi contestano dico che si mettano il cuore in pace perché li accontenterò, anche se non sono certo che quattro striscioni mi possano spaventare. Il punto è che non mi piace che ci sia questa divisione fra Preziosi si e Preziosi no. Il Genoa rimane e rimarrà per sempre. Sono impegnato a far sì che arrivino persone serie che abbiano a cuore il destino del club. Voglio essere sicuro che ci sia una firma, ma ci sono trattative avanzate per cui sono abbastanza ottimista. Se faccio una cosa è per migliorare, penso soprattutto nella serietà delle persone e questo penso di poterlo affermare senza smentite perché mi danno molta tranquillità per il futuro. La prossima intervista sarà per un annuncio”.

Dopo le parole di Preziosi, adesso resta da capire chi saranno i nuovi proprietari del Genoa. Indubbiamente, presto – come affermato dall’attuale patron – se ne saprà di più al riguardo, ma al momento l’incertezza regna sovrana. I tifosi incrociano le dita. Ad ogni modo, pare che Preziosi possa restare in società, in qualità di socio di minoranza, ed occuparsi della parte sportiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.