Gigio rinnoverà col Milan: la (falsa) speranza di chi ‘come me’ crede nei sogni

Donnarumma in scadenza di contratto con il Milan

Ormai sono trascorsi quasi due giorni dalla notizia che ha praticamente scosso il Mondo Milan: Donnarumma non rinnova il contratto con i rossoneri. Un epilogo triste e sintetizzato da molti come l’ennesima sconfitta del calcio a favore del ‘Dio danaro’. Nessuno si sarebbe mai aspettato di vivere una situazione del genere. Sia chiaro, nessuno ha mai creduto di trovarsi dinanzi ad una trattativa semplice. Quando di mezzo c’è il signor Mino Raiola, per le società diventa estremamente complicato trattare. Questo fa, però, di lui uno degli agenti più bravi in circolazione. Tuttavia, fino a giovedì si respirava un certo ottimismo perché tutti, dirigenti e tifosi, hanno sempre fatto affidamento alle parole di Gigio che ha sempre detto di vivere un sogno con il Milan, il suo Milan. Improvvisamente, però, alle ore 17:31 buio totale. Il peggior incubo per ogni tifoso è diventato realtà.

Se si analizzano bene le parole dell’agente italo-olandese rilasciate in qualche intervista dei mesi scorsi, si può notare che l’idea di far trovare un’altra squadra a Gigio era probabilmente già nei suoi pensieri. Inizialmente, però, tutti hanno pensato a frasi di circostanza dovute anche all’incertezza che regnava sovrana per quanto riguarda il closing. La cessione del Milan è poi avvenuta e Fassone e Mirabelli stanno tessendo la tela per un nuovo inizio. Sembra, infatti, che il progetto tanto richiesto da Raiola ci sia con la nuova società. Altrimenti certe operazioni di mercato non si sarebbero mai realizzate. Questa, però, è un’altra storia. I fatti dicono che in Casa Milan c’è amarezza per il mancato rinnovo di Donnarumma. Colui che sarebbe dovuto diventare il simbolo del nuovo corso. L’offerta di contratto propostagli la dice lunga. Guadagnare (da portiere) 5 milioni di euro l’anno a soli 18 anni sono più che un semplice messaggino.

Infondo sognare non costa nulla: Gigio rinnova con il Milan

Se vogliamo il venerdì mattina del tifoso rossonero è stato ancor peggio del giovedì sera. Risvegliarsi e metabolizzare che Gigio Donnarumma non rinnova con il Milan fa davvero male. Una situazione surreale che rischia di sfociare in guerra fredda. Fassone e Mirabelli, dietro suggerimento di Yonghong Li hanno detto che Gigio resterà al Milan fino alla scadenza del contratto, 30 giugno 2018. Diverse sono le ipotesi in merito. Si parla di un suo ritorno con la squadra Primavera. C’è invece chi dice che si allenerà a parte da solo per non minare ulteriormente l’ambiente. Al momento queste, però, sono solo supposizioni. Un’altra pista che la nuova dirigenza potrebbe seguire è quella di cederlo nella sessione estiva di calciomercato e incassare, se pur in minima parte, un conguaglio che serve solo per evitare di perderlo tra un anno a parametro zero. Cose dette e ridette.

C’è, invece, chi come me (forse sono l’unico) sogna ancora ad occhi aperti. Alcune volte è bello guardare il lato romantico delle cose. Raiola giovedì pomeriggio era senza Gigio a Casa Milan. E’ stato lui, dunque, a prendersi la responsabilità del rifiuto di Donnarumma. Chiaramente sarebbe troppo banale dire che Gigio non ne sapeva nulla, così come la famiglia del portiere (anche se c’è chi ci scommette, hanno appreso la notizia dalla tv e non da Raiola in persona). A questo punto, però, sorge un dubbio più che lecito. E’ stato detto diverse vuole che la priorità di Donnarumma era quella di rinnovare con i rossoneri. E’ stato lo stesso Gigio a chiederlo. Allora cos’è successo? Dov’è l’errore? Il Milan, ha fatto il possibile e forse qualcosa in più, per dimostrare a Donnarumma le intenzioni di prolungargli il contratto. La società, infatti, ne esce a testa più che alta. Qualcosa di sicuro non torna. Il signor Raiola è stato forse stizzito dell’ultimatum dato dal Milan per avere una risposta e per questo motivo ha spinto il ragazzo verso il rifiuto? Tutte supposizioni che non trovano risposta ma che, per chi sogna come me, potrebbero trovare una risposta. Donnarumma rinnova con il Milan. Il classe ’99 ad europeo concluso potrebbe tornare a Casa Milan e chiedere un ulteriore colloquio a Fassone e Mirabelli. Le parti potrebbero, dunque, sedersi nuovamente a tavolino e se pur gli tocca superare una burrasca non da poco, potrebbero finalmente raggiungere il lieto fine.

Per far sì che ciò accada, però, Gigio ci deve mettere la faccia in prima persona e far capire a tutti che lui vuol sul serio restare al Milan perché quel bacio alla maglia è partito veramente dal cuore in quanto tifoso rossonero. Non è stato, infatti, un gesto di circostanza. Questo bisogna concederglielo anche in virtù dei 18 anni che ha. Chi non commette errori alzi la mano. Forse giovedì Gigio ha agito solo dietro consiglio di Raiola ma il suo desiderio è quello di restare a lungo al Milan. Ecco perché, per chi sogna come me la speranza è quella di vedere il lieto fine in una storia partita con le migliori premesse una stagione e mezza fa ma che sembra essere incappata in un incidente di percorso. Infondo il contratto è in scadenza a il 30 giugno 2018 e lo strappo può ancora essere ricucito.

 

2 Comments

  1. Chissà perché anche io ci spero, poi se ci mettesse la faccia vuol dire che veramente ha il Milan dentro. Chi vivrà vedrà

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.