Inter, Vecchi alle prese con l’infortunio Icardi: stagione per finita per l’argentino?

Tegola Icardi per l'Inter

Le brutte notizie non arrivano mai sole. Questo esempio in questo periodo fa proprio a caso dell’Inter. Sul campo non arrivano notizie positive da 7 turni. I nerazzurri, statistiche alla mano, in quest’ultimo mese e mezzo sarebbero ultimi in classifica avendo raccolto un solo punto. Il caos sembra regnare sovrano con la dirigenza che sa cosa vuole, mentre sul campo continuano le incertezze. Motivo per il quale anche Pioli è stato esonerato.

Con il campionato che volge al termine, Ausilio sta provando a gettare le basi per la ricostruzione della squadra. Un progetto nuovo ma vincente. Almeno questo è ciò che vuole Zhang il quale ha affidato la gestione tecnica delle sue squadre a uno che mastica di calcio da anni: Walter Sabatini. Tutto sembrerebbe seguire un ordine preciso delle cose. Però, come dicevamo le brutte notizie non arrivano mai da sole. Mauro Icardi infatti si è fermato per infortunio.

Notizie Inter 17 maggio, Icardi rischia di finire la stagione in anticipo

Mauro Icardi ha accusato un risentimento muscolare che lo hanno costretto a fermare anzitempo la seduta d’allenamento. Dopo gli esami strumentali del caso si è evinto che l’infortunio di Icardi potrebbe essere più serio del previsto. Si parla, infatti, di un risentimento al retto femorale della coscia sinistra. Come riportato da Sky Sport, almeno di clamorosi recupero dell’ultimo momento la stagione di Icardi potrebbe essersi conclusa contro il Sassuolo. Il centravanti argentino, tuttavia, spera di poter recuperare per un’eventuale convocazione della nazionale argentina a giugno.

Ecco il comunicato ufficiale dell’Inter in merito all’infortunio di Icardi: “Icardi ha sostenuto gli esami che hanno evidenziato un risentimento al retto femorale della coscia sinistra, le condizioni saranno valutate giorno dopo giorno”. Brutte notizie per l’incolpevole Vecchi che potrebbe, a questo punto, pensare all’esordio dal primo minuto di Gabigol.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.