Inter, scoppia il caso Gabigol: sanzione al brasiliano per aver lasciato la panchina

Gabigol si infuria per il mancato ingresso in campo

In Casa Inter non si può stare mai tranquilli. Neanche la bella vittoria dello Stadio Olimpico contro la Lazio è riuscita a smorzare il clima teso. A conferma di quanto ha detto Ausilio nei giorni scorsi. La squadra è formata da ottimi giocatori ma ognuno pensa a se stesso e nessuno rema verso la stessa direzione. Una situazione davvero paradossale e spiacevole per una squadra che, per lo meno sulla carta, ha tutto per poter lottare tra le prime in classifica.

Tra sabato e domenica è scoppiata una bufera social con i tifosi indignati per la maglia della prossima stagione. Sul finire di Lazio-Inter, invece, è esploso il caso Gabigol. Il brasiliano ha lasciato la panchina prima del triplice fischio finale, evidentemente indignato per la scelta di Vecchi. L’allenatore nerazzurro, nonostante l’1-3 e con la squadra in superiorità numerica non ha fatto entrare in campo Gabigol.

Nuova bufera in casa Inter, scoppia il caso Gabigol

Gabigol infuriato fa esplodere un nuovo caso in quel di Milano, sponda nerazzurra. L’attaccante brasiliano ha lasciato la panchina anzitempo nel corso del match Lazio-Inter, valido per la 37a giornata di campionato. Un gesto fatto sotto gli occhi di tutti ma sdrammatizzato da Vecchi che nel post partita ha detto di capire la rabbia del giocatore. L’allenatore nerazzurro ci ha tenuto, comunque, a precisare il perché di questa poca considerazione di Gabigol da parte di tutti gli allenatori succedutisi sulla panchina dell’Inter: “Gabigol ha delle buone qualità ma deve saperle mettere al servizio della squadra”.

Sicuramente il caso Gabigol rientrerà subito ma allo stesso tempo verrà punito dalla dirigenza dell’Inter. Certi atteggiamenti non sono mai ben visti, come anticipato dallo stesso Vecchi. Una cosa, però, appare quasi certa. Nonostante la cifra tutt’altro che bassa utilizzata per far arrivare Gabigol all’Inter, la prossima stagione il centravanti sembra esser destinato a giocare altrove. Resta da capire, però, se la società nerazzurra preferisca cederlo in prestito oppure a titolo definitivo anche se il valore di mercato dopo questa stagione è sceso vertiginosamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.