Intervista Raiola su Donnarumma: ‘Milan ambiente ostile, non vedo come cambiare questa situazione’

mino raiola con una polo verde

Dopo qualche giorno di silenzio, ha (finalmente) deciso di parlare Mino Raiola, noto agente FIFA che, tra gli altri, ha nel portiere Gigio Donnarumma uno dei suoi assistiti principali. L’italo-olandese ha parlato in un’intervista ai microfoni di Sky, Mediaset e Rai. La prima emittente a mandare in onda le parole del procuratore è stata la tivù di Stato nel corso del programma ‘La Domenica Sportiva’. Di seguito, tutte le dichiarazioni di Raiola su Donnarumma.

Intervista Raiola su Donnarumma

“C’era un ambiente troppo ostile tra le parti. Non può uscire un risultato positivo quando c’è un ambiente violento e questo ha portato ad una decisione per noi negativa. Non è un problema di soldi, perchè non ne abbiamo mai parlato, così come non abbiamo mai parlato di inserire una clausola rescissoria. Non mi ha ancora cercato nessuno per Gigio, quando questo succederà io informerò il Milan, che deciderà cosa fare. Per come stanno le cose adesso, la società ci ha fatto capire che non ha intenzione di far giocare titolare un calciatore in scadenza”. Sulla possibile riapertura di una trattativa col Milan: “Non vedo come cambiare questa situazione”. Queste le poche parole di Raiola, rilasciate al giornalista Rai, Paolo Paganini.

Il resto dell’intervista al super-agente la si conoscerà nella giornata di domani. In ogni caso, possiamo anticiparvi che nel mirino di Raiola c’è soprattutto il ds Massimiliano Mirabelli, così come vi avevamo anticipato in esclusiva. Secondo quanto filtra, Raiola avrebbe detto testualmente: “Gigio Donnarumma è stato minacciato di morte, e di questo Mirabelli dovrà assumersene le responsabilità”. Non sappiamo, al momento, a cosa si riferisse il procuratore di Donnarumma con queste parole, ma certamente ne sapremo di più domani, quando anche Sky, Mediaset e ‘La Gazzetta dello Sport’ renderanno pubbliche le loro interviste esclusive.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.