Juventus, dopo Bonucci via altri pezzi da novanta anche tra i dirigenti?

Bonucci ha lasciato la Juve per il Milan

La dolorosa cessione di Bonucci al Milan ha creato un vero scossone nell’ambiente bianconero. La delusione è palese e viaggia celermente anche grazie ai social network. C’è chi si dice contento di questa partenza. Chi ha dubbi addirittura sulle qualità del calciatore. La verità è che Leonardo Bonucci è tra i difensori più forti al Mondo e la rabbia dei supporters bianconeri è esplosa proprio per questo motivo. Eppure, se si guarda la storia recente della società bianconera, almeno un top player all’anno lascia la causa. Sono da esempio Tevez, Vidal e Pogba.

Quello che, però, non via giù ai tifosi è la destinazione scelta da Leonardo Bonucci. Premettendo che nessuno avrebbe voluto un suo addio, probabilmente se avesse firmato per il Chelsea o il Manchester City, non ci sarebbe tutto questo trambusto. Cessione di Bonucci a parte, perché anche se fa male ai bianconeri, si sta parlando di un dato di fatto, quello che sembra preoccupare maggiormente è l’impressione che il capitolo cessioni non è ancora chiuso del tutto.

Notizie Juventus, via anche Cuadrado e Alex Sandro? Occhio a Paratici

Gli addii di Dani Alves e Bonucci sono addii dolorosi. Due calciatori importanti per lo scacchiare di Allegri. Inutile, comunque, gettarsi nello sconforto perché quella bianconera è una società solida e sa come muoversi al meglio per rimanere competitiva. Talvolta, per restare sul pezzo, c’è bisogno anche di cambiamenti radicali. Tuttavia il capitolo cessioni non sembra esser chiuso del tutto. C’è, infatti, ancora da capire le situazioni inerenti Cuadrado e Alex Sandro. Come riportato da Paolo Ziliani su Il Fatto Quotidiano, i due calciatori vorrebbero cambiare aria perché scontenti. Marotta a tal proposito è stato chiaro, chi non vuole restare se ne può andare. Quello che, però, il dirigente bianconero non aveva calcolato è che tra gli addii, quello più doloroso potrebbe riguardare il suo braccio destro, Fabio Paratici.

Il direttore sportivo del club di via Galileo Ferraris, in bianconero dal 2009 perché fortemente voluto proprio da Beppe Marotta, starebbe meditando il più clamoroso degli addii. Non ci sono certezze a riguardo, solo indiscrezioni raccolte. In caso di addio di Paratici, comunque, la Juventus si troverebbe in una situazione davvero complicata da gestire perché inizierebbe a regnare incertezza nei piani dirigenziali, quei piani che fondamentalmente sono da sempre la forza dell’intero gruppo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.