Juventus-Milan, i giocatori rossoneri distruggono gli arredi dello ‘Stadium’

donnarumma protesta dopo juve milan

Inutile nascondere il nervosismo dei giocatori rossoneri dopo la fine di Juventus-Milan, che ha visto trionfare i bianconeri 2-1 con un rigore a tempo scaduto di Dybala. Da Bacca, andato a brutto muso addosso all’arbitro Massa, passando per Donnarumma, il quale si è lasciato scappare delle affermazioni al veleno, l’inquietudine era molta ieri sera nell’ambiente milanista. Al punto che, al ritorno negli spogliatoi delle squadre, alcuni giocatori del Milan avrebbero arrecato danni all’arredo dello ‘J-Stadium’.

Juventus-Milan, la rabbia dei giocatori rossoneri

L’indiscrezione arriva da fonti molti vicine alla Juventus, anche se la società bianconera non ha al momento confermato queste voci. Dal canto suo, anche la società rossonera non si sbilancia sull’accaduto, limitandosi ad un più diplomatico “No comment” che porterebbe a pensare (i malpensanti) che il fattaccio è accaduto davvero. C’è da dire, ad onor del vero, che i vertici dirigenziali rossoneri non hanno voluto commentare neppure le decisioni arbitrali, che pure hanno influito in maniera decisiva sul match. In ogni caso, se dovessero essere confermate tali indiscrezioni, con ogni probabilità la società rossonera risarcirà – di tasca propria – i danni dello ‘Juventus Stadium’. Un risarcimento che assumerebbe il sapore della beffa, considerato che il Milan ha perso il match per una decisione arbitrale molto dubbia.

Ad ogni modo, nonostante l’adrenalina post-partita e l’arrabbiatura dei giocatori rossoneri, un simile comportamento non sarebbe giustificabile. Dopo la partita, c’erano già stati segnali poco confortanti al riguardo, con Bacca e compagni che erano apparsi molto nervosi, tanto che sono stati necessari gli interventi di Montella e (addirittura) Galliani per calmare gli animi. Probabilmente, nello spogliatoio ospiti dello stadio bianconero qualcosa è successo davvero. Se così dovesse essere, ne sapremo di più nelle prossime ore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.