Marotta, Allegri alla Juventus ancora a lungo: sirene inglesi spente?

Marotta conferma Allegri sulla panchina della Juventus

A margine dell’assemblea elettiva della Figc Giuseppe Marotta ha provato a spegnere uno dei tormentoni  che ci sarà da qui a fine stagion circa la permanenza di Massimiliano Allegri sulla panchina della Juventus con il tecnico bianconero accostato ormai da tempo alla Premier League con l’Arsenal che si sarebbe fatta avanti per bloccarlo in vista della prossima stagione. Non solo l’Inghilterra, tuttavia, sembra essere sulle tracce dell’allenatore bianconero perché, se pur in maniere più fievole, anche dalla Spagna sono giunti rumors su un possibile interesse del Barcellona per il dopo Luis Enrique. Verità o meno, il dirigente bianconero ha fatto da eco alle parole di Allegri dopo Udinese-Juventus.

Voto di Marotta, Allegri alla Juventus anche in futuro

Sicuramente il futuro di Massimiliano Allegri alla Juventus è ancora tutto da decidere con diverse voci che vorrebbero giunto al capolinea il rapporto tra squadra e allenatore anche alla luce dei diversi diverbi avuti con i giocatori, ultimo caso quello di Bonucci. Tuttavia le voci di un rapporto incrinato non sono mai state confermate dalle parti con la dirigenza che avrebbe addirittura avallato la scelta di Allegri di mettere fuori squadra il difensore per la partita contro il Porto. Le voci più insistenti arrivano, però, dall’Inghilterra dove si dicono sicuri di un passaggio di Allegri all’Arsenal  con il club di Londra pronto a convincere l’allenatore, mostratosi comunque affascinato dal progetto. Neanche di questo vi è piena certezza però per provare a smorzare tutti i rumors ci ha pensato Marotta il quale ha dichiarato che la Juventus e Allegri sono destinati a seguire il percorso insieme per altri cento anni e che non c’è nulla che potesse far pensare al contrario.

Al momento non è dato sapere se le parole di Marotta così come quelle di Allegri dopo Udinese-Juventus fossero solo di circostanza perché da qui a maggio possono accadere ancora tante cose e tante decisioni possono essere ancora prese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.