Milan, ecco i 10 peggiori acquisti di Galliani

In 31 anni Galliani ha acquistato tanti flop

Giovedì 13 aprile per il calcio italiano è stata una data storica. Il Milan dopo 31 anni sotto la gestione Berlusconi è stato venduto. Yonghong Li è il nuovo presidente e con Han Li, suo braccio destro, ci sarà anche Marco Fassone che ricoprirà quel ruolo che è stato di Adriano Galliani fino a due giorni fa.

Proprio Adriano Galliani, colui che più di tutti in questi anni bui ci ha messo la faccia. Silvio Berlusconi nella sua lettera d’addio ci ha tenuto a ringraziare in particolar modo il suo fidato amico anche per questo motivo. L’ex ad rossonero ha avuto tanti meriti, così come li ha avuti il Cavaliere, nonostante tutto ci sono stati anche errori che oggi possono essere guardati con un sorriso.

Dopo la cessione Milan, i peggiori 10 acquisti di Galliani

Oggi venerdì 14 aprile i tifosi del Milan sembrano esser meno belligeranti del solito. Tutti a ringraziare e osannare l’ormai ex dirigenza. Come se fossero svanite nel nulla tutte le polemiche e le contestazioni anche gratuite palesate negli ultimi anni. Oggi in Casa Milan è nata una nuova era ma il ricordo dei tanti trionfi con Berlusconi resterà vivo.

La redazione di calcionewsweb.it è voluta andare in modo simpatico un pò controtendenza. Pur riconoscendo il lavoro fantastico svolto da Berlusconi e Galliani in 31 anni, è anche giusto elencare qualche flop in sede di calciomercato. Tanti sono stati i soldi spesi in questi anni e tra i tanti campioni passati per Milanello, altrettanti sono stati anche gli acquisti sciagurati. Elencarli tutti sarebbe praticamente impossibile. Ci limitiamo, così, a fare una lista dei primi 10 della classifica. Per il ruolo di portiere lo scettro va a Jens Lehmann. Come dimenticare la sua ultima apparizione in campionato. Finto svenimento sul terzo gol di Batistuta, oltre al tocco di mano sul retropassaggio di Costacurta. Fortunatamente per i tifosi rossoneri le partite da lui giocate sono state solo 5. In difesa impossibile chiudere un occhio su Reizeger e Ziege. Due terzini dal futuro garantito, almeno così dicevano. Tanto l’olandese quanto il tedesco sono stati tutto fuorché utili alla causa rossonera. A tratti addirittura sono apparsi imbarazzanti. Motivo per il quale la società li ha venduti dopo una sola stagione. La stagione 2000/2001 è stata ricca di colpi ad effetto per Galliani che ha portato al Milan anche Drazen Brnicic. Il centrocampista arrivò a Milanello come grande acquisto ma il campo lo ha visto una sola volta perché incompatibile con la Serie A. Impossibile non parlare di Johann Vogel. Operazione ancora ignota a molti tifosi e appassionati di calcio. Un centrocampista dal piede tutt’altro che delicato in una squadra dove la qualità era abbastanza alta. Per finire, a centrocampo, memorabile è stato anche l’acquisto di Pablo Garcia, solo 5 presenze prima di andare al Venezia per poi retrocedere.

Milan, ecco i peggiori 10 acquisti in attacco di Galliani

Mancano ancora 4 giocatori per completare la top ten. Francamente risulta davvero complicato scegliere perché tanti sono i calciatori non da Milan tesserati da Galliani. Giusto dunque passare in attacco. Il primo della lista è Aliyu, 2 presenze all’attivo in 4 anni anche se ha mantenuto in caldo il posto da extracomunitario per Kaka. 1,5 milioni di euro sono stati spesi per Adiyiah. 15 miliardi delle vecchie lire sono, invece, serviti per far scaldare tribune e panchina da Mattia Graffiedi. Il primo posto spetta, però, di diritto a Ricardo Olivera arrivato dopo la dolorosa cessione di Shevchenko. Galliani ha visto in lui una sorte di erede del numero 7 di Kiev tant’è che gli ha affidato lo stesso numero di maglia. 17 milioni di euro ed, esclusa la rete illusoria alla prima di campionato, la sua stagione è stata anonima dimostrando di non esser quel giocatore che Galliani ha creduto che fosse. Non ce ne voglia l’ex amministratore delegato perché al Milan ha regalato anche tantissime gioie e ha fatto arrivare tantissimi campioni, ma di questo calcionewsweb.it se ne occuperà a breve.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.