Napoli, Insigne suona la carica Real: ‘Non è ancora finita’

La sconfitta in Champions League non è stata ancora sbollita dal Napoli, Insigne infatti vuole la sua rivincita e regalare una grande qualificazione in rimonta ai quarti di finale magari con una notte da protagonista. Sicuramente il 3-1 del Bernabeu è un risultato non semplice da ribaltare ma il Napoli ci crede, ha il diritto di crederci come confermato da Lorenzo Insigne che, in un’intervista rilasciata per il Corriere dello Sport grida vendetta perché il discorso qualificazione non è affatto chiuso; il Real Madrid è avvisato.

Avanti Napoli, Insigne suona la carica in Champions

“Siamo vivi, nulla è ancora compromesso”, ha dichiarato Insigne che ha continuato: “Se ho pensato di vincerla sull’1-0? Sapevo che sarebbe stata lunga e dura. Quando sei lì ti rendi conto di quanto siano bravi, di cosa voglia dire essere campioni e come si affrontino certe gare avendo dentro di te un bagaglio d’esperienza che hai accumulato in tutte le manifestazioni. Loro ce l’hanno nel dna, hanno vinto coppe di ogni tipo, ne hanno vissute a decine o centinaia. Noi siamo sulla strada giusta, ma abbiamo bisogno di crescere. Per farlo, servono gare come queste e anche delusioni del genere, dalle quali ci si rialza. Perché il Napoli è vivo e lo vedrete al ritorno, in casa sarà tutt’altra storia”.

Tra le tante cose non poteva mancare una battuta sulla splendida rete realizzata ad apertura di match che ha fatto battere i cuori ai milioni di supporters azzurri e non solo:”Il gol? È successo tutto in fretta, la palla sui piedi di Hamsik, io che vado nello spazio, Marek me la dà con i giri giusti. Ho guardato Keylor Navas, ho visto che stava distante dai pali, m’è sembrato di vederlo fuori posizione, o almeno così l’ho battezzato. Ho tirato, dando forza e cercando anche la traiettoria. Diciamo che sono stato anche un po’ fortunato. Non ho capito niente, eravamo avanti di un gol e ho scoperto un altro tipo di felicità, perché segnare là ti lascia il segno. Ma l’amarezza per la sconfitta non ti concede nulla. Loro sono stati bravi, ma noi non meritavamo questo passivo. Però non è finita”. Lo scugnizzo napoletano non si dà per vinto, come si evince da queste righe tratte dall’intervista rilasciata per il Corriere dello Sport e come lui è giusto che ci credano tutti perché questo Napoli è forte ed è perfettamente in grado di ribaltare il risultato del Bernabeu.