Ottavi Champions League Leicester-Siviglia: riparte la favola senza Ranieri

Il Leicester arriva tra le prime otto d'Europa

Il Leicester City è ripartito e sembra esser tornato in versione scorso campionato quando in Premier League chi la incontrava tremava. Quella di martedì 14 marzo 2017 ha comunque il sapore di un’impresa perché per gli Ottavi di Finale di Champions League Leicester-Siviglia, in un King Power Stadium gremito, finisce con il risultato di 2-0 con le Foxes che sono riusciti a ribaltare il 2-1 del match di andata facendo ripartire, così, la favola interrotta ad inizio 2017 e che ha portato all’esonero di Ranieri, unica nota stonata della squadra in questo periodo (senza nulla togliere a Shakespeare) perché partita dopo partita sembra essere sempre più certa la scelta di certi giocatori di voler boicottare il tecnico italiano.

Risultati Ottavi Champions League Leicester-Siviglia: inglesi ai quarti

Il King Power Stadium è una vera e propria bolgia con i tifosi che spingono i propri beniamini verso una rimonta non impossibile ma neanche semplice viste le recenti vicende. In Leicester-Siviglia parte meglio la squadra ospite che nei primi 20 minuti ha almeno due occasioni per potersi portare in vantaggio anche se un attento Schmeichel evita il peggio. La partita lentamente si assesta e al ’27 sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato da Mahrez, sono i padroni di casa a passare in vantaggio con il capitano Morgan. Quella del capitano de Le Foxes si tratta della prima rete nella storia della Champions League per un giamaicano. La squadra di Sampaoli non ci sta e prova subito a riprendere le redini del match ma trova sempre la porta sbarrata da un superlativo Schmeichel. Il forcing dura fino al 54esimo quando Albrighton insacca una palla vagante in area di rigore e porta il risultato sul 2-0. Il King Power Stadium è in delirio ma il Siviglia non si dà per vinto e cerca la rete che consentirebbe di allungare il match. L’occasione per gli spagnoli arriva al ’78 con un calcio di rigore conquistato da Vitolo atterrato dal portiere del Leicester ma N’Zonzi dal dischetto calcia la palla in malo modo mettendola centrale e debole con Schmeichel che non si fa sorprendere. Da quel momento la partita è a senso unico con il Leicester che sfiora in altre due occasioni il gol del 3-0 con Vardy e nel mentre Sampaoli viene allontanato anche dal terreno di gioco, espulso da Orsato. La Champions League regala sempre emozioni e il Leicester City scrive il suo nome anche nella storia della competizione volando tra le migliori 8 d’Europa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.