Premier League, Chelsea campione: Conte conquista l’Inghilterra

il chelse di conte e hazard campione d'inghilterra

Con tre turni di anticipo, il Chelsea di Antonio Conte conquista la sesta Premier League della sua storia. I ‘Blues’ possono gioire dopo la vittoria conquistata ai danni del West Bromwich Albion, squadra rivelatasi più ostica del previsto. Il gol del titolo lo firma Batshuayi all’82’. Il belga, unica nota stonata della perfetta stagione ‘contiana’, entrato appena sei minuti prima, raccoglie un perfetto assist di Azpilicueta e, da vero bomber dell’area di rigore, firma il successo per i suoi.

Conte riesce a conquistare il titolo al primo colpo, proprio come riuscirono a fare Mourinho Ancelotti sulla panchina del club londinese. Il Chelsea succede al Leicester, che lo scorso anno si rese protagonista di quello che è considerato uno dei più grandi miracoli sportivi di sempre. Quest’anno, le ‘Foxes’ non sono riuscite a replicare il cammino trionfale della stagione passata. Dopo quello di Claudio Ranieri, questo è il secondo titolo di fila per un tecnico italiano nel campionato inglese.

Chelsea campione in Premier League

Dopo un primo tempo bloccato sullo 0-0, i ‘Blues’ escono rivitalizzati dagli spogliatoi. La ripresa è tutta un’altra musica, e Conte è il direttore d’orchestra perfetto per questa squadra che viaggia a meraviglia. Tuttavia, gli uomini del tecnico pugliese non riescono a concretizzare le occasioni e a sbloccare, di fatto, il match. Fino all’82’, quando Batshuayi, subentrato ad uno spento Hazard al 76′, segna il gol del trionfo.

Dopo il fischio finale, esplode la gioia dei tifosi del Chelsea assiepati sulle tribune del ‘The Hawthorns’. Può gioire anche Antonio Conte, per un successo che – ad inizio stagione – non sarebbe stato semplice da pronosticare. Prima dell’inizio della Premier, infatti, le due squadre di Manchester sembravano ben più attrezzate dei ‘Blues’, soprattutto in virtù dei tanti milioni spesi. Ma nel calcio non sempre trionfa chi spende di più. E questa ne è l’ennesima dimostrazione…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.