Southampton, Gabbiadini fa il fenomeno in Premier: Napoli lo rimpiange?

Gabbiadini sempre a segno in Premier League

E’ ormai un lontano ricordo il Napoli perché ora c’è il Southampton, Gabbiadini è tornato finalmente a sorridere e a fare ciò che gli riesce meglio, i gol. Di lui se n’è sempre detto un gran bene, tutte cose confermate anche al suo arrivo in azzurro sotto la corte di Benitez: giocatore forte fisicamente e capace di grandi giocate anche se c’erano molti aspetti sotto i quali migliorare ancora, poi con l’avvento di Sarri sulla panchina del Napoli, il ragazzo si è lentamente eclissato vivendo all’ombra di Higuain prima e Milik poi.

Si è detto di tutto sul suo conto e tra i commenti più gettonati c’erano quelli che lo ritenevano un timido con poco carattere oltre ad esser stato sopravvalutato dai dirigenti del Napoli. A gennaio la cessione e in meno di un mese Gabbiadini ha conquistato il Southampton e la Premier League.

Premier League: Suothampton, Gabbiadini a segno in FA Cup ma non basta

Negli ultimi sei mesi al Napoli, Gabbiadini ha giocato solo 775′, invece, ora al Southampton sembra essere lui la star, lanciato nella mischia da Puel pochi giorni dopo il suo arrivo e subito a segno contro il West Ham. In molti hanno giustamente pensato che sarebbe stato da stupidi dare giudizi affrettati, tuttavia Gabbiadini ha poi realizzato altri 4 gol, due a testa tra Sunderland e Manchester Utd.

Proprio contro il Manchester Utd ha giocato la finale di FA Cup vinta dalla squadra di Mourinho con il risultato di 3-2 al termine di una partita pirotecnica che ha messo in mostra tutte le qualità dell’ex centravanti del Napoli che, come detto, ha realizzato due reti oltre ad una che gli è stata annullata. In pratica in Inghilterra quel ragazzo timido seduto in panchina e non considerato mai veramente parte del progetto di Sarri, si sta prendendo la sua rivincita. Sicuramente è ancora presto per dare giudizio ma se il buongiorno si vede dal mattino non c’è dubbio che la stella di Gabbiani torni a splendere come ci si aspettava qualche anno fa e chissà che Ventura non decida di convocarlo per i prossimi impegni della Nazionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.