Ultimissime cessione Milan: soldi arrivati in Europa, Berlusconi dice no

faccia sorridente di berlusconi che ritrae le mani

Questa volta sembrano esserci tutte le condizioni necessarie per arrivare ad una fumata bianca riguardo la cessione del Milan. Le ultimissime notizie riportare da ‘La Gazzetta dello Sport’ ci dicono che il passaggio di proprietà da Berlusconi Yonghong Li – questa volta – è davvero vicinissima.

Nella giornata di ieri, il braccio destro del futuro proprietario rossonero, Han Li, è sbarcato a Milano e si è incontrato con i vertici Fininvest. Da quello che filtra, il meeting è andato bene e non dovrebbero esserci complicanze sul closing. Anche il nodo più spinoso, quello legato ai soldi, sembra essere stato risolto. Vediamo tutti i dettagli e le ultime news riguardanti la cessione della società di via Aldo Rossi.

Cessione Milan, è la volta buona?

Con ogni probabilità, nella giornata di oggi (martedì 11 aprile) arriverà a Milano anche Yonghong Li, che darà il via al bonifico necessario per arrivare alla chiusura dell’operazione. Una parte, di 190 milioni di euro, sarà sborsata direttamente da Mr. Li. I 180 milioni restanti, invece, saranno erogati dal fondo Elliott, che ha concesso un prestito al futuro proprietario del Milan. A tal proposito, pare che tutti i soldi siano stati trasferiti da Hong Kong in Lussemburgo, luogo in cui non sarà necessario ottenere alcun permesso particolare per poter finalizzare il tutto.

Intanto, un’altra novità rilevante riguarda l’attuale patron dei rossoneri, Silvio Berlusconi. L’ex premier, infatti, sempre secondo il quotidiano rosa, avrebbe deciso di rifiutare la presidenza onoraria propostagli dai cinesi. Un rifiuto che porterebbe a pensare al fatto che al ‘Cavaliere’ non sarebbe stato concesso lo spazio necessario e che la presidenza onoraria sarebbe stata solo un ruolo di facciata. Per una persona da sempre abituata ad essere protagonista in tutto quello che fa, certamente, non sarebbe stato semplice accettare un ruolo da secondo della classe. Insomma, l’avventura di Berlusconi, questa volta, sembra che stia volgendo definitivamente al termine. Un’avventura condita da trent’anni di successi e trofei, che hanno reso la società rossonera la squadra gloriosa che è ora. Una squadra, però, in cui negli ultimi anni è diventato necessario un cambiamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.