Zaccardo su Linkedin: il ‘Campione del mondo 2006’ cerca squadra

Tra i tanti modi per cercare una nuova squadra in cui accasarsi, Cristian Zaccardo ha scelto sicuramente quello meno convenzionale per un calciatore. Il difensore ex Parma e Milan, campione del mondo nel 2006 con la Nazionale di Lippi, ha pubblicato un annuncio su Linkedin nel quale ha annunciato di aver rescisso consensualmente il suo contratto con il Vicenza e di essere in cerca di una nuova squadra.

E la cosa sembrerebbe avere funzionato, visto che – secondo quanto dichiarato dallo stesso giocatore – sono arrivate tantissime chiamate anche dall’estero.

Cristian Zaccardo-Linkedin: ecco cosa ha scritto il calciatore

“Ho rescisso il contratto che mi legava al vicenza fino a giugno 2018…attualmente sono un calciatore svincolato…sto ancora bene fisicamente potrei giocare ancora 2 anni a livelli alti…chi mi prenderà secondo me farà un affare…calciatore serio professionale e forte..!!!”. Con questo post pubblicato – come detto – su LinkedinZaccardo ha voluto far sapere di essere in cerca di una nuova squadra e di non sentirsi pronto per appendere le scarpe al chiodo.

post di zaccardo su linkedin

La notizia, com’era prevedibile, ha fatto il giro di tutte le testate nazionali. Il giocatore è stato intervistato anche da ‘Radio 24’ a ‘Tutti Convocati’, dove ha dichiarato: “Mi hanno scritto squadre interessate da tutto il mondo, non solo dall’Europa. Nei prossimi giorni valuterò. E’ stata un po’ una provocazione. Ho rescisso e mi sono messo in discussione in questo modo. Ho fatto questo più che altro per l’estero dove i direttori sportivi usano LinkedIn. Vorrei chiudere con un’esperienza fuori. Attualmente mi sto allenando da solo, sto valutando proposte per fare il ritiro con qualche squadra”.

In un mondo del calcio attualmente “governato” dai procuratori, dunque, Zaccardo è voluto uscire fuori dagli schemi con questo annuncio su Linkedin. Servirà a fargli trovare una nuova squadra? Stando alle parole del giocatore, sembrerebbe proprio di si. Se così dovesse essere, chissà che – in futuro – anche altri calciatori non possano affidarsi a Linkedin per cercare una nuova sistemazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.