Conte è il nuovo allenatore dell’Inter. I tifosi: “Non siamo la Juve”

conte

Conte ufficializzato nuovo tecnico dell’Inter. Le prime parole del neo-allenatore e la reazione dei tifosi nerazzurri.

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell’Inter. La notizia è diventata ufficiale stamattina presto. Il sito del club nerazzurro ha pubblicato un comunicato ufficiale e sono poi stati diffusi video di presentazione del nuovo tecnico sui profili social del Club.

Questa una sintesi del comunicato ufficiale dell’Inter.
“Sono i gesti, gli sguardi, i dettagli, a definire Antonio Conte. Una vita dedicata al calcio, fin da piccolo. Appassionato e innamorato del pallone al punto da farlo diventare l’obiettivo da perseguire – diventando calciatore – e anche il mezzo migliore per potersi esprimere, per lasciare un segno. In campo e in panchina.
Determinato e ambizioso, Antonio Conte inizia il suo viaggio con l’Inter: due entità con lo stesso obiettivo, lo stesso orizzonte, quello della vittoria. Testa, cuore e gambe sono le parole chiave della carriera di Conte, nato a Lecce il 31 luglio 1969. Ora la sfida di Antonio Conte è la stessa di tutto il mondo nerazzurro: continuare a correre, per riportare l’Inter nell’elite del calcio europeo”.

Queste invece le prime parole di Conte da nuovo tecnico dell’Inter. “Finalmente si ricomincia. Di motivi ne ho tanti, anche troppi. E di sfide davanti a me altrettante ma non vedo l’ora. Un club che non è da tutti, con i suoi tifosi che si chiederanno perché proprio io. Perché condividiamo la stessa ambizione, il coraggio, la fame e a determinazione. Ora tocca a me. Ci sono, Inter. Inizia un nuovo capitolo della mia vita, sono entusiasta. Cercherò con il lavoro di ricambiare tutta la fiducia che il Presidente e i dirigenti hanno riposto in me. Ho scelto l’Inter per la Società, per la serietà e l’ambizione del progetto. Per la sua storia. Mi ha colpito la chiarezza del Club e la voglia di riportare l’Inter dove merita”.

Il comunicato della tifoseria

L’ex tecnico della Juventus ha quindi il compito di riportare l’Inter a competere per lo Scudetto e ad un cammino in Europa più lungo di chi lo ha preceduto. La scelta di un ex allenatore bianconero ha suscitato più di qualche perplessità nella piazza. La Curva Nord ha già diramato un comunicato in cui “ricorda” al neo-allenatore di trovarsi in una società diversa da quella torinese.

“Da garantisti quali siamo e saremo sempre, accettiamo il fatto che da certi ‘sospetti giudiziari’ il nuovo mister si sia svincolato espiando le sentenze che l’hanno riguardato, sebbene rimanga indelebile la ‘colpa’ per la lunghissima militanza in una società da cui ci riteniamo lontani anni luce per stile e valori. Inutile nascondere che la scelta di una persona col passato di Stellini nello staff tecnico ci preoccupa moltissimo ma, sebbene consci dell’apporto tecnico che le innegabili qualità professionali di Conte possano fornire al percorso futuro dell’Inter, la nostra preoccupazione riguarda soprattutto l’aspetto morale che vorremmo fosse dimostrato in futuro. Noi non siamo la Juve, per noi vincere non è l’unica cosa che conta! Essere interista significa vincere nel rispetto dell’avversario, accettare la sconfitta, le sentenze e non cercare alibi.

Il nostro messaggio e augurio e’ pertanto quello che mister Conte e con lui anche Marotta, si affidino a Lele Oriali e a Zanetti ed assimilino presto lo spirito di fratellanza che sta al centro dell’essere Inter e che non deve aver nulla a che vedere coi risultati sportivi. Si puo’ vincere e si puo’ perdere ma la dignita’ non deve mai venire meno; gli isterismi e le frustrazioni bianconere le seppellisca a Torino. Siamo l’Inter e camminiamo sempre a testa alta. Non abbiamo e non vogliamo avere scheletri nell’armadio, non vantiamo titoli che ci son stati tolti per i nostri comportamenti illeciti; rispettiamo le sentenze e non facciamo uso della ‘memoria’ per raccogliere consensi con ipocrisia. Buon lavoro a mister Conte con l’augurio di dimostrarci presto di esser all’altezza dell’Inter”.