Mangiare ogni giorno curcuma: ecco cosa succede al nostro corpo

La curcuma è una spezia che si ritrova in commercio principalmente sottoforma di polvere dal tipico colore giallo. La polvere si ottiene a seguito della macinazione della radice della pianta, che corrisponde alla parte sotterranea del fusto. E’ la parte della pianta che contiene le molecole responsabili delle azioni benefiche di questa spezia.

La curcuma è originaria dell’Asia Meridionale che, però, oggigiorno, è coltivata nella maggior parte delle zone tropicali. Per la sua crescita, le curcuma necessita di temperature comprese tra i 20 ed i 30°C, e di una notevole quantità di precipitazioni durante l’anno.

La curcuma è una radice utilizzata sin dai tempi antichi per le sue numerose proprietà curative. Molto utilizzata nella medicina cinese.

Per produrre la curcuma in polvere, è prevista una pulizia e una bollitura delle radici, successivamente esse sono poste ad essiccare per un tempo variabile, a seguito dell’essiccazione le radici vengono macinate per ottenere la tipica polvere gialla che siamo abituati a trovare in commercio.

La dose giornaliera raccomandata è fino a 3 grammi al giorno, meglio non usarne quantitativi ulteriori.

Benefici della curcuma

1.Antinfiammatorio

La curcuma agisce come potente anti-infiammatorio. Questo perchè il suo componente principale, noto come curcumina, risulta essere eccellente contro molte infiammazioni. L’infiammazione a sua volta può essere causa di numerose malattie, tra cui la sindrome del colon irritabile, la pancreatite, l’artrite e malattie di tipo neurodegenerative.

2. Protegge il cervello

La curcumina, oltre ad andare a svolgere un’azione anti-infiammatoria, sembrerebbe essere in grado di aumentare la capacità cognitiva e di prevenire alcune patologie che riguardano il sistema nervoso, come nel caso dell’Alzheimer. Questi disturbi molto spesso sono legati a bassi livelli di fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF), e la curcumina sembrerebbe essere in grado di aumentare questi livelli, ritardando o addirittura eliminando del tutto disturbi cognitivi.

3. Migliora la digestione

La curcuma può essere utilizzata per prevenire e trattare problemi digestivi, come  l’infiammazione del tubo digerente e permette di ridurre la sensazione di gonfiore. E’ da precisare che coloro che presentano problematiche alla colecisti non dovrebbero farne utilizzo, in quanto si andrebbe a stimolarla provocando un effetto negativo.

4. Protegge e rafforza il cuore

La curcumina è in grado di ridurre il colesterolo cattivo circolante nell’organismo, favorisce la rimozione delle placche arteriose e previene la coagulazione del sangue. Sono ancora in corso vari studi per determinare altri effetti benefici per il cuore.

5. Migliora l’umore

E’ stato effettuato uno studio su alcuni volontari che presentavano un disturbo depressivo maggiore, essi sono stati suddivisi in due gruppi, ad un gruppo è stata fornita una cura a base di fluoxetina, mentre all’altro gruppo è stata somministrata una dose specifica di curcuma giornalmente. Il risultato è stato che la curcuma è efficace quanto il medicinale, e ancora meglio non presenta gli effetti collaterali che, invece, presenta il medicinale.

Come assumere la curcuma

La curcuma non è assimilata facilmente dal nostro organismo, per questa ragione bisogna consumarla in modo particolare se vogliamo beneficiare dei suoi effetti terapeutici, rispetto alle altre spezie. Un integratore molto utile per assumere la curcuma è Piperina e Curcuma Plus.

Si consiglia di associare l’utilizzo della curcuma ad un pò di pepe nero, o meglio ancora consumato in associazione con un grasso, come ad esempio l’olio, l’olio di cocco, in questo modo l’assorbimento risulta essere facilitato.

Per mantenere intatte le sue proprietà benefiche si consiglia di utilizzarlo sempre a crudo, aggiungendola solo a fine cottura nelle preparazioni culinarie.

Un altro modo per assumerla è l’olio alla curcuma. Questa preparazione a base di olio si prepara miscelando 500 ml di olio extravergine di oliva con 3 cucchiai di curcuma in un barattolo di vetro dotato di chiusura ermetica. Il tutto viene lasciato a macerare per sette giorni, mescolando il tutto una volta al giorno.

Controindicazioni

Come per tutti gli altri ingredienti alimentari, anche la curcuma presenta delle controindicazioni. Ad esempio va assolutamente evitata nel caso in cui siano presenti problematiche alle vie biliari, in caso di colecisti infiammata e anche in caso di patologie particolari, sempre meglio rivolgersi ad un medico specializzato.


Per restare aggiornato su questo argomento ti consigliamo di mettere un like alla nostra Pagina Facebook Ufficiale