Perché mangiare bresaola fa bene: questi i motivi. Lo sapevi?

La bresaola è un affettato gustoso ed invitante che, però, quando posto sulla nostra tavola può destare sospetto perché è ritenuto calorico. Ma ciò non deve preoccuparci perché mangiare bresaola fa bene: questi i motivi per cui lo affermiamo con certezza.

La bresaola

La bresaola è un salume tipico della Valtellina, ottenuto dalla carne di manzo opportunamente essiccata e salata. Ha la particolarità di essere cruda, non affumicata e a pezzo intero. Esistono varianti della bresaola che utilizzano la carne della coscia di cavallo o di cervo e della spalla del maiale.

Come alimento la bresaola ha un bassissimo contenuto di grassi, presenti soltanto per il 3%. Molto vasto invece l’apporto di nutrienti come proteine, sali minerali come il ferro, vitamine del gruppo B e PP.

In cucina la bresaola si può consumare da sola, come antipasto o secondo piatto, o in qualità di ingrediente all’interno di piatti unici in coppia con il formaggio e la rucola, negli involtini con la ricotta, nei panini, come sugo per la pasta, come complemento per il risotto. La bresaola si abbina benissimo con i formaggi freschi o stagionati, con le erbe aromatiche, con le spezie, con le verdure a foglia, con le uova, con i cereali e anche con la frutta. Mangiare bresaola fa bene: ecco tutti i motivi.

Mangiare bresaola fa bene

Mangiare bresaola fa bene al nostro organismo perché, come abbiamo accennato in precedenza, è povera di grassi per cui risulta ideale per chi è a dieta. Può essere il pasto giusto per chi fa sport o per chi non ha tanto tempo per stare dietro ai fornelli. Una bresaola si prepara infatti in fretta: basta prelevarla dal frigo, aggiungere del grana padano, un po’ di rucola, un pizzico di pepe nero e un filo di olio extravergine di oliva.

La bresaola fa bene alla salute delle ossa dei bambini, degli anziani e delle donne che affrontano il periodo critico della menopausa. Mangiare bresaola aiutare a rafforzare l’apparato scheletrico grazie alla ricchezza di un minerale come il fosforo, importante costituente del tessuto di denti e ossa. Il fosforo è poi necessario per l’assorbimento del calcio e per mantenere i livelli di energia dell’organismo elevati. Il fosforo aiuta la concentrazione, la memoria e migliora la resistenza allo stress.

Mangiare la bresaola aiuta a prevenire e a contrastare i fastidiosi e dolorosi crampi muscolari, soprattutto quelli notturni. Questo grazie al suo contenuto di potassio, che contrasta la carenza di questo minerale nell’organismo. Soffrire di crampi, significa soffrire di uno squilibrio tra potassio e sodio o tra calcio e magnesio. La bresaola può risolvere questo problema.

La bresaola fa bene alla pelle: la vitamina B12 in essa contenuta è in grado di rinforzare e rigenerare il tessuto di pelle, unghie e capelli. A livello del derma, la bresaola aiuta anche a contrastare un problema come la psoriasi e pone rimedio in caso di herpes. La bresaola è poi ricca di vitamina B3, previene le malattie cardiovascolari, migliora la circolazione del sangue e riduce i livelli di colesterolo LDL.