Tuttosport – Agnelli: “La Juventus vuole riprendere a giocare”, sintonia totale con il presidente della Lega Serie A

ROME, ITALY - AUGUST 27: Juventus FC President Andrea Agnelli looks on during the Serie A match between SS Lazio and Juventus FC at Stadio Olimpico on August 27, 2016 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Niente assegnazione dello scudetto a tavolino, e possibile data per ripresa degli allenamenti già decisa: è la linea della Juventus in merito alle decisioni che eventualmente verranno prese dalla Lega Calcio e dalla FIGC sul proseguo della stagione, organi che non sembrano intenzionati a seguire l’esempio di Belgio o Francia, che hanno assegnato il campionato a tavolino, decidendo quindi di chiudere la stagione agonistica.

La presa di posizione di Agnelli

Il presidente della Juventus non cambia idea rispetto a qualche tempo fa, anche attraverso un “like” atteposto sulla pagina twitter @juvefcdotcom su un commento di un tifoso straniero che aveva testualmente dichiarato “Non vogliamo vincere in questo modo. Anche Andrea Agnelli ha detto che declinerà. Spero che sia così“. Insomma, il patron bianconero intende giocarsi il campionato fino alla fine, ovviamente rispettando le norme di sicurezza imposte dalle autorità.

Il possibile giorno della ripresa degli allenamenti

Al termine dell’ultima assemblea di lega Agnelli ha ribadito il concetto, manifestando il proprio supporto anche alla Lega Serie A: “Mi associo anche io ai complimenti e ai consensi unanimi per il lavoro del presidente Dal Pino e ne approfitto per ribadire con forza un aspetto. Voi sapete che io non sono molto mediatico e preferisco il silenzio, questo può aver alimentato errate interpretazioni sulla volontà della Juventus. Ebbene, io ribadisco con forza che la Juventus ha la ferma volontà di concludere la stagione 2019/20. Iniziando gli allenamenti il 18 maggio e le partite a giugno ci saranno modi e tempi per concludere le stagioni. Rispettando le indicazioni dell’Uefa e dell’Eca”.