Amore mai sbocciato tra la Salernitana e Cerci

TURIN, ITALY - MARCH 30: Alessio Cerci of Torino FC celebrates scoring their second goal during the Serie A match between Torino FC and Cagliari Calcio at Stadio Olimpico di Torino on March 30, 2014 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

La Salernitana di Lotito sta lottando per un posto ai playoff per salire in Serie A, a giugno sulla panchina dei granata è arrivato Giampiero Ventura, che ha chiesto al presidente una rosa competitiva per centrare l’obiettivo salvezza. Il tecnico aveva fatto una richiesta specifica, quella di mettere sotto contratto Alessio Cerci, suo pupillo ai tempi del Torino.

Cerci e Salernitana amore mai nato

Il ds Angelo Fabiani, aveva qualche perplessità, visto che Cerci veniva da due anni di inattività e le sue condizioni fisiche non erano al meglio. Ma nonostante questi dubbi decise di accontentare il mister. Risultato? Molti infortuni in stagione, pochi minuti giocati ma soprattutto un solo assist in stagione e 0 gol all attivo.

Bottino magro per un calciatore del suo calibro. Lotito, però lo aveva già bocciato ad ottobre quando dichiarò: “un ciclo che inizia ma che può anche finire, non mi è assolutamente piaciuto l’approccio di qualcuno che è entrato dalla panchina e non ha fatto in pieno quello che doveva fare”, una frecciatina diretta proprio all’ex attaccante del Torino.

A gennaio si vociferava di una sua possibile cessione, dopo che lo stesso giocatore aveva violato il regolamento interno pubblicando sui social il suo bollettino medico che certificava l’ennesimo infortunio in stagione.

La cosa certe è una ad Alessio Cerci non resta che decidere se salutare il calcio con i fischi dei tifosi della Salernitana o avere l’orgoglio di un calciatore che vuole dimostrare il suo valore, le prossime partite ci daranno un quadro completo sulla situazione, anche se Lotito ha già in mente una rescissione del contratto con il calciatore.