Se vivi in città miti, questa bellissima pianta potrà crescere rigogliosa

La pianta ideale per chi vive in una città mite, il Cestrum nocturnum, o gelsomino notturno, è un arbusto sempreverde, appartenente alla famiglia delle Solanacee, che emana un intenso, delizioso profumo di notte. A partire da maggio fino ai mesi autunnali regala fiori bianchi che sbocciano nelle ore notturne e sprigionano un aroma particolarmente intenso.

Qual è il clima migliore per questa pianta?

Il gelsomino notturno cresce rigoglioso nei luoghi dal clima mite. Le temperature fredde, così come l’esposizione diretta al sole per molte ore, soprattutto in estate, possono rovinare il suo fogliame e i fiori. È una pianta facile da coltivare che, però, richiede alcune particolari accortezze.

Ha bisogno di un terreno piuttosto umido, morbido e drenante, per questa ragione quando messo a dimora, conviene sistemare della ghiaia nel fondo e aggiungere sabbia al terreno. Volendo potrai piantare il gelsomino notturno in un vaso, a patto che sia ampio e profondo abbastanza da permettergli di sviluppare comodamente.

Annaffiature

Per far sì che il Cestrum regali fioriture abbondanti sarà importante garantirgli il giusto apporto idrico. Durante la stagione calda dovrai annaffiarlo con una certa frequenza e regolarità, a seconda della capacità del terreno di trattenere l’acqua. Se coltivato in una città mite, il gelsomino notturno regge tranquillamente la stagione fredda e necessita di annaffiature mensili, facendo bene attenzione a non creare pericolosi ristagni d’acqua.

Se coltivato in vaso, il gelsomino notturno ha bisogno di annaffiature più frequenti rispetto alle piante da giardino. In autunno potrai diminuire gradualmente l’irrigazione e arrivare allo stretto indispensabile durante i mesi invernali.

Concimazione e moltiplicazione

A cominciare da fine inverno, quando la pianta esce da un periodo di “letargo”, e poi ciclicamente ogni 20 giorni circa, è necessario concimare la pianta con un concime naturale povero di azoto e ricco di fosforo e potassio.

La moltiplicazione per talea è preferibile rispetto alla semina, perché più facile e rapida. Nei mesi estivi potrai prelevare una parte legnosa dell’arbusto che contenga gemme e metterla a radicare in un vaso riempito di sabbia e torba. Bada bene che rimanga umido finché non compaiano i primi germogli. Dopodiché, le piante radicate andranno spostate in un vaso ampio 8 centimetri circa e tenute al riparo per il periodo invernale. Con l’arrivo della primavera potrai piantarle definitivamente nel luogo prescelto, preparando una buca piuttosto ampia e contenente materiale drenante.

Potatura

Quando sta per terminare l’inverno, intorno ai primi giorni di marzo, è importante potare il gelsomino notturno. Per farlo, sarà sufficiente tagliare dalla base i rami più legnosi e vecchi. Quelli più sani e giovani, invece, andranno recisi di soli 15 centimetri, affinché crescano più sani e vigorosi.

Malattie e parassiti

Il Cestrum è una pianta in parte rustica, per questo motivo è resistente e adattabile a diverse condizioni. Non è cosa comune che venga attaccata da parassiti, malattie o insetti. Se dovesse capitare, è probabile che diventi bersaglio di cocciniglie e afidi. In tal caso potrai utilizzare prodotti naturali specifici che possano eliminare del tutto questi insetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.