Dove andrà a giocare Ibrahimovic? Bologna sogna, lui: “Decido presto”

La prossima destinazione di Zlatan Ibrahimovic è una di quelle storie destinate a tenere banco per le prossime settimane. Il giocatore ha terminato il suo contratto con i Los Angeles Galaxy, squadra della MLS, il campionato di calcio statunitense terminato nello scorso fine settimana con la vittoria finale dei Seattle Sounders.

Ibrahimovic è adesso libero di scegliersi la migliore destinazione. A 38 anni appena compiuti, Zlatan è convinto di poter fare ancora bene anche in un campionato europeo, e il suo ritorno sui massimi palcoscenici sta facendo parlare mezza Europa. Solo nelle ultime settimane si è parlato di Napoli, Milan, di un suo possibile ritorno in Spagna, e anche di un clamoroso ritorno al Manchester United, suo ultimo club prima della traversata oceanica. Sky Sports UK ha annunciato nelle scorse ore che i Red Devils si sono tirati ufficialmente fuori dalla corsa all’attaccante svedese.

Il calciatore, che nei mesi scorsi ha visto dedicarsi una statua nella natia Malmo, sta prendendosi il suo tempo per decidere del proprio futuro. C’è da scegliere se giocare per altri sei mesi o per un anno e mezzo, e se impegnarsi a farlo – nella seconda ipotesi – con la stessa squadra o liberarsi nella prossima estate, quella degli Europei.

In Italia c’è un club che sogna: il Bologna. I felsinei si sarebbero mossi tempo fa, con Di Vaio che ha incontrato il giocatore durante una vacanza a Los Angeles rispondendo che avrebbe preso in seria considerazione l’ipotesi di trasferirsi nella squadra di Mihajlovic, suo viceallenatore ai tempi dell’Inter. Per convincere Zlatan serve un’offerta dai 6 agli 8 milioni di Euro netti, una cifra importantissima che la dirigenza rossoblu potrebbe però investire per regalare un sogno alla città. “Decido presto”, avrebbe confidato Zlatan agli amici che gli chiedevano del suo possibile ritorno in Italia.


Per restare aggiornato su questo argomento ti consigliamo di mettere un like alla nostra Pagina Facebook Ufficiale